« Inicio | Santo Subito » | Particelle » | La compagnia del bancone » | "L'analogico ci salverà!!" » | Gli angeli dell'ammore! » | Lucy uno di noi... » | "Ch ci guiderà? Una plutocattodemocrazia giudaica?... » | Words are very unnecessary » | Standing ovation » | Tranquilli: mica è il Vietnam... »

Immagini di una città

da "Non toccare la pelle del drago" di G. Genna:

Como, in lontananza: una cupola grigioazzurra, una cittadina covata, adagiata, custodità affinchè niente accada. Accanto: il lago spaventosamente profondo, bracci disarticolati tra monti scoscesi, coperti di vegetazione nera, inutilmente scoscesi, per niente maestosi: soltanto questo nero impressionante, che cala di colpo nelle serpi d'argento del lago, e calano i monti anche sepolti nell'acqua, calano verso il centro lungo i bracci, oscuri, bui, faticosi da navigare, in apparenza miti e invece prodigiosamente pericolosi, dove si nascondono gorghi freddissimi, dove è nascosto forse il tesoro nazista.