« Inicio | Lucy uno di noi... » | "Ch ci guiderà? Una plutocattodemocrazia giudaica?... » | Words are very unnecessary » | Standing ovation » | Tranquilli: mica è il Vietnam... » | Problemi di identità » | On.Luxuria in Bicocca » | Internazionale Mastelliana » | Waters & Co. » | Avanti il prossimo... »

Gli angeli dell'ammore!

Tranquilli, il demonio non mi ha portato via: sono anche sopravvissuto alla Notte Bianca di Como. Un evento alquanto bizzarro, un po' festa del patrono stile paese del sud ma con la voglia di lanciare questa città lacustre come chissà quale meta turistica.
Sfido chiunque a trovare qualcosa da fare a Como per più di due giorni.
In ogni caso, la festa è stata carina, o almeno così ho intuito mentre mi aggiravo nel centro decisamente alticcio con un paio di ali da cherubino, gentile omaggio dello stand Bacardi. Naturalmente la parte migliore di queste manifestazioni arriva al sorgere del sole, quando hai il quadro completo dell'umanità stremata, e si trascinano i cadaveri dal fronte alle retrovie, aspettando un autobus-ambulanza che finalmente ti liberi dall'obbligo di dover sballare ad ogni costo, con il patrocinio della Regione Lombradia, oltretutto.

(continua)