« Inicio | La compagnia del bancone » | "L'analogico ci salverà!!" » | Gli angeli dell'ammore! » | Lucy uno di noi... » | "Ch ci guiderà? Una plutocattodemocrazia giudaica?... » | Words are very unnecessary » | Standing ovation » | Tranquilli: mica è il Vietnam... » | Problemi di identità » | On.Luxuria in Bicocca »

Particelle

Serate che si scoprono alcoliche senza nessuna intenzione.

Scie di pensieri che si rincorrono senza incontrarsi mai.

La foto della patente, simbolo del passato statico

e immanente. Icona di ricordi.

Mi guardo

diciotto anni.

Ne bastano pochi in più per fare nascere un po’ di nostalgia.

Al tempo tu eri lì, una goccia rossa in un mare grigio increspato.

Per me che non capivo.

Per me che non vedevo.

Un cieco .

Un sordo.

Spettatore di una farsa, attore di cabaret,

pagliaccio triste.